26 luglio 2018

Pressa piegatrice per il settore elettrodomestici


 

Barazza srl festeggia quest’anno i 50 anni di attività. In mezzo secolo di storia si è affermata come un’azienda leader nei settori del catering, della ristorazione, e delle attrezzature da cucina come piani cottura, forni, lavelli e abbattitori. Sia con il marchio Barazza che con il brand Jollynox, rappresenta l’unione tra qualità, design, ricerca e funzionalità.

piegatrice robotizzata elettrodomestici

Per Barazza negli anni Gasparini ha realizzato una pressa piegatrice da 105 tonn su 4 metri in cella robotizzata, una cesoia CO4004 da 4 mm su 4 metri, e una pressa piegatrice da 330 ton su 6 metri. Il rapporto tra le nostre due aziende dura ormai da 20 anni, e si è rinnovato con un’altra pressa piegatrice davvero speciale.

Si tratta di una X-Press SuperCustom da 80 tonnellate su 2 metri, che si distingue per l’ampia luce frontale da 800 mm. Unita agli intermedi speciali da 400 mm, permette di realizzare vasche e lavelli fino a 300 mm di profondità. Grazie alla corsa da 300 mm, estrarre i pezzi è semplice e veloce.

pressa piegatrice settore elettrodomestici inox
intermedi promecam grandi dimensioni scatolati

Il sistema di bloccaggi pneumatici AirSlide, senza tubi di connessione per l’aria compressa, permette di riconfigurare in un attimo l’attrezzaggio, adattandosi alle dimensioni dei pezzi.

Il registro posteriore a 5 assi X-R-Z1-Z2-X6 controllati dal CNC Delem DA-69T consente di realizzare pieghe oblique fino a 75°, garantendo la massima flessibilità nella piegatura di particolari complessi. I supporti retrattili permettono di sostenere le lamiere più sottili e delicate, senza danneggiarle e senza graffiarle.

registro posteriore pieghe angolate 5 assi
piegare vasche lavelli lamiera inossidabile

Per compensare l’importante ritorno elastico dell’acciaio inossidabile, Barazza ha scelto il sistema di controllo dell’angolo in tempo reale GPS4. Grazie al sensore a doppia forchetta inserito nella matrice, misura l’angolo per contatto ed è quindi indipendente dalla riflettività della lamiera, dalle contropieghe o dalla flangia minima necessaria. Per finire, la pedaliera wireless permette all’operatore di spostarla con la massima facilità senza limitazioni, con un grande miglioramento nell’ergonomia.


Articoli correlati

Questo sito utilizza esclusivamente cookies "tecnici" per offrirti il miglior servizio e rendere più semplice la tua navigazione.